Ferrari 250 GT Coupe by Boano – 1957

Ferrari 250 GT Coupe by Boano - 1957


Ferrari 250 GT Coupe by Boano – 1957


Marca : Ferrari
Modello : 250 GT
Versione : Coupè
Anno : 1957
Telaio N. : 0667GT
Motore N. : 0667GT
Esemplari prodotti : 67
Designer : 
Carrozzeria 
:
 Boano

Motore : 12 cilindri a V di 60°
Cilindrata : 2.953 cc
Distribuzione : SOHC
Valvole Cilindro : 2
Alimentazione : 3 car. Weber 36 DCF
Potenza : 240 CV a 7.000 giri/min
Top speed Km/h : 252


Dopo i primi esemplari costruiti, Pinin Farina non riusciva a far fronte alla vivace domanda e, nell’attesa della costruzione della nuova fabbrica a Grugliasco, passò la produzione a Boano. In poco più di un anno, ne furono realizzate un’ottantina. La 250 Europa GT subentrò al modello 250 Europa e fu presentata al pubblico nel corso del Salone di Parigi edizione 1954: inizialmente mantenne la denominazione 250 Europa, ma in seguito fu aggiunto il suffisso GT per poter distinguere meglio le due vetture. In realtà, la nuova macchina divenne nota semplicemente come 250 GT.

In linea di massima la forma della carrozzeria coupè a tre luci fu molto simile, per la quasi totalità di vetture prodotte, a quella tipica della 250 Europa originaria, disegnata da Pinin Farina. Infatti, sempre che non si possieda un occhio particolarmente allenato nel rilevare le dimensioni, per distinguere i due modelli sarebbe necessario un metro flessibile, poiché la differenza principale tra le due macchine risiede nella diversa distanza tra il parafango anteriore ed i montanti del parabrezza.

In quegli anni non si era ancora raggiunta una totale uniformità nelle linee estetiche delle varie serie di modelli: ad esempio, un esemplare destinato alla Principessa del Belgio Liliane De Rethy ebbe una carrozzeria speciale di Vignale, e sette macchine furono realizzate da Pinin farina con vari corpi vettura in alluminio, sempre di tipo “Berlinetta”. Questi ultimi sono spesso considerati come prototipi delle future berlinette “Tour de France”, prodotte tra il 1956 ed il 1959. Inoltre, persino certi esemplari di coupè “standard” potevano presentare differenze di dettaglio, vere e proprie modifiche deliberate per soddisfare le richieste particolari di alcuni clienti; a ciò si aggiunge poi il fatto che alcune carrozzerie furono costruite in alluminio mentre per altre fu utilizzata la lamiera d’acciaio. Come per la serie 250 Europa, alcune vetture furono dotate di panca posteriore che, in pratica, consisteva in una piattaforma imbottita, originariamente pensata per i bagagli.


Auction Results
2018 – Arizona – RM Sotheby’s – Unsold



 

696 Total Views 1 Views Today