Lancia Aurelia B24S Convertibile – 1958

Lancia Aurelia B24S Convertibile


Lancia Aurelia B24S Convertibile – 1958


Marca : Lancia
Modello : Aurelia B24S
Versione : Convertibile
Anno : 1958
Telaio N. : B24S-1602
Motore N. : B20-4467
Esemplari prodotti : 521
Carrozzeria : 
Motore : 6 Cilindri a V di 60°
Cilindrata : 2.451 cc
Distribuzione : OHV
Valvole Cilindro : 2
Aspirazione : 1 Carburatore Weber
Potenza : 118 CV a 5.000 giri/min
Top speed Km/h : 175


Auction Result
2015 Villa Erba by RM Sotheby’s €313.600


La Lancia Aurelia è un’autovettura prodotta dalla Lancia dal 1950 al 1958.
Più in particolare la versione B24, Spider prima e Convertibile poi, venne lanciata nel gennaio del 1955 e terminò la sua vita nel 1958.

Il prototipo di pre-serie della Aurelia B24 viene visto sfrecciare per la prima volta nei viali cittadini di Torino, nella seconda metà del 1954.
L’idea del giovane Gianni Lancia è quella di un prodotto d’élite, sportivo e dalla linea che strizzi l’occhio alle tendenze d’oltreoceano. Egli commissiona il primo esemplare alla Pininfarina che già ha esperienza nel settore specifico avendo realizzato nel 1952 una spider per conto dell’americana Nash.

Questa prima B24 – che adotta la meccanica della B20, con il motore appena modificato in alcune sue componenti (filtro aria, ventilatore, pompa dell’acqua) per poter essere alloggiato nel cofano (che risulta sensibilmente abbassato) – risalta soprattutto per alcuni particolari della carrozzeria: tra tutti spiccano il parabrezza del tipo panoramico (contornato da un profilato di ottone cromato) in voga negli USA (già visto ad esempio nella sportiva Chevrolet Corvette spider nel 1953), il muso con la calandra classica Lancia, i paraurti costituiti da quattro respingenti (o rostri) di generose dimensioni (due davanti e due dietro), ed un abitacolo posizionato al centro del passo (accorciato di 20 cm rispetto alla B20), tra un cofano motore abbondante ed una coda di ampie dimensioni (lunga quasi quanto il cofano).

La produzione in serie inizia alla fine del mese di dicembre del 1954, tanto che nel bilancio di fine anno si conta una sola Spider (con guida a sinistra) ultimata. Ma in casa Lancia si lavora per allestire l’esemplare da spedire in Belgio per la presentazione al primo salone dell’automobile del nuovo anno. Quando il 15 gennaio 1955 a Bruxelles si inaugura il Salone, una B24 – color grigio chiaro con interni rossi, numero telaio B24S-1002 – è al suo posto, per la delizia dei visitatori. Rispetto alla vettura prototipo di pre-serie, la B24 definitiva si distingue per i paraurti (dove i quattro respingenti sono stati sostituiti da singolari paraurti ad ala), per la mascherina leggermente modificata e per la coda resa più snella grazie ad una fascia leggermente prominente.



1706 Total Views 1 Views Today